Sabato, Novembre 18, 2017
   
Text Size
Sicurezza

Angelo Crapanzano, in memoria di un amico

 tratto da "Volo Libero Gazette"

Vorrei sapere a che cosa è servito vivere, amare, soffrire,
spendere tutti i tuoi giorni passati se così presto hai dovuto partire,
se presto hai dovuto partire...

Voglio però ricordarti com'eri, pensare che ancora vivi,
voglio pensare che ancora mi ascolti e che come allora sorridi
e che come allora sorridi...

da "In morte di un'amica" di Francesco Guccini

 

La notizia della scomparsa di Angelo Crapanzano ha fatto il giro del mondo in pochi istanti, passando velocemente di bocca in bocca, di tastiera in tastiera, da una parte all’altra del globo, prima come un leggero fruscio del vento tra le fronde poi come un tornado, lasciando tutti coloro che lo conoscevano esterrefatti, sgomenti, privi di un amico che con simpatia e disponibilità si è sempre prodigato per tutti, anche se uno spirito libero certamente difficile da gestire.
Io ho conosciuto Angelo nel 1980 quando ci siamo avvicinati, la mia famiglia ed io, al mondo del deltaplano. Da allora siamo sempre stati amici
Alzo gli occhi e lo vedo ritratto sul muro della camera che fu di mia figlia ragazza, in uno dei tanti manifesti che ne hanno caratterizzato l’adolescenza, insieme a Laverdino, a Patrucco, a Bausone e a Ciech che all’epoca erano poco più che bambini.
Tornano alla mente i momenti passati insieme, le ninne nanne coi bambini, le cene, le discussioni giocando a Risiko, le 48 ore di silenzio che mi sono sciroppata per aver perso una scommessa, le indicazioni in volo per farmi girare correttamente una termica, i rimproveri per un atterraggio da brivido finito bene e i complimenti per un atterraggio fatto benissimo, ma finito con una lussazione al gomito.
Era un irrequieto fin da allora. Il deltaplano stava diventando la ragione della sua vita, dopo che si era dedicato al calcio ed al motocross.
Ci aveva appena venduto il suo Mariah per poter andare in America insieme a Marco Borri.
Ha vinto diversi titoli italiani, Angelo, è stato il primo a fare i 100 km in delta, sempre presente anche nelle classifiche internazionali, conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, una mente fervida e geniale, ma mai soddisfatto di quello che otteneva, sempre propenso al “si può fare di meglio”con gli altri ma soprattutto con se stesso.
Di lui ricordiamo le acrobazie, i looping in sequenza, i passaggi sotto ai temporali, le rasette agli alberi, la ricerca dell’ultima termica, le vittorie eclatanti, i tanti aneddoti che ne hanno caratterizzato l’esistenza. Non consideriamo – ne’ forse sappiamo – cosa ha segnato anzi tempo il suo carattere, apparentemente forte, ma fragile di fronte al distacco e allo scorrere degli anni e quel suo risentimento verso la vita.
Negli ultimi tempi non riuscivamo più a stargli vicino come avremmo voluto, abbiamo tentato di entrare dalla finestra quando lui ha chiuso la porta sbattendola. Non rispondeva alle chiamate e quando ti parlava al cellulare o per e-mail lo faceva a monosillabi.
Ha scelto la solitudine come unica compagna e probabilmente da tempo andava orchestrando questo gesto.
Come tutti coloro che lo hanno frequentato, anche solo per un minuto, mi auguro di ritrovarlo di nuovo, anche questa volta, come altre prima, magari in un bosco o perso su un decollo. Mi illudo, mi aggrappo ad un lumicino di speranza, perché la dinamica dei fatti e lo scorrere delle ore lascia anche troppe certezze.
Qualcuno si chiede: perché una cosa così terribile?
Quando non vedi intorno a te sbocchi per il futuro; quando non hai voglia e forza per gettarti a capofitto nel tran tran noioso di tutti i giorni; quando pensi di aver fallito negli intenti e non vedi più nulla a cui aggrapparti; quando le amicizie non riempiono più la tua esistenza e non vedi altri traguardi da raggiungere; quando hai esaurito gli scopi e non hai voglia di cercartene altri perché nulla ha più valore, allora scegli di andartene.
Un ultimo bagliore d’orgoglio che è caratteristica dei geni, a volte incompresi, quasi sempre insoddisfatti.
Dentro di me sogno ancora di rivederlo con la mia nipotina in braccio mentre le canta la filastrocca dell’aquilone arò-arò, quella filastrocca che conoscono tutti i bambini del mondo mentre ridono in braccio a lui, da lui sballottati come rapiti dal vento; spero di poterlo riabbracciare per un’altra vittoria o, come molte altre volte ho fatto, di rincorrerlo per l’atterraggio con in mano un panino ed una bibita, ricordandogli che deve mangiare, che è ora di spegnere il computer, che è ora di dormire, mentre lui continuerà a parlare, a spiegare, a raccontare, a sentenziare, a convincerti fino allo sfinimento che è giusto quello che pensa e come lo pensa.
La razionalità purtroppo mi spinge a pregare Aldo, Luigi, Enzo, Mino, Angelo e gli altri che già sono “arrivati oltre” ad accoglierlo con loro nel paradiso dei piloti, per volare ancora insieme senza atterrare mai.
In ogni caso piango, egoisticamente, l’amico che non ho più.
@ngela

Ero piccola quando ho conosciuto Angelo. Si può dire appena nata. Mi aveva visto nella culletta in mezzo al prato, poi cominciare i primi passi e le prime parole. Poi più grande avevamo affittato l’appartamento sopra il suo a Paesana. Mi ricordo del suo pastore tedesco. Mi ricordo Luciana con il pancione di Alan e poi di Eric.
Tutti gli adolescenti hanno in cameretta i poster con i loro cantanti preferiti, io avevo la sua foto insieme ai piloti della nazionale di deltaplano.
Mi ricordo i weekend con lui a volare; i sabato sera a giocare a “Risiko” o a quello strano gioco giapponese “Go” o a vedere dei film; le domeniche mattina, prima di andare in decollo, che cercava di farmi imparare la matematica! Non c’è mai riuscito, neanche lui! Prima di volare giocava con noi bambini in decollo e poi partiva con il suo deltaplano.
Una volta è riuscito, dopo aver vinto una scommessa, a fare stare zitta mia madre, di solito molto chiacchierona, per ben 48 ore...
Il tempo è passato e, diventata più grande, non sono più andata a Paesana con i miei. Angelo lo vedevo sempre meno, anche perché era sempre in giro per i suoi viaggi e per volare e tenere alto il nome dell’Italia, almeno nel volo!
Penso che non ci sia pilota di deltaplano in tutto il mondo che non lo conosca!
Se si prendeva a cuore una questione ti raccontava tutto e per tutto quello che sapeva. Se doveva aggiustare qualcosa stava li finché non aveva finito. Anche a costo di dimenticarsi di mangiare e dormire! Gli bastava avere la sua amata coca cola vicino. A volte si incantava davanti ai gran premi di formula uno con il barattolo del miele vicino ed era capace di finirselo tutto!
Poi io sono diventata mamma e quando mi ha visto con il pancione mi ha chiesto se avevo mangiato un’anguria intera! Quando è nata mia figlia mi ha telefonato ed è venuto a trovarmi e vederlo con Rachele in braccio a giocare come faceva con me da piccola mi ha commosso!
L’ultima volta l’ho visto, un anno fa a Omegna sul lago d’Orta nel verbano, ad Acroaria. Era magro magro, i capelli ingrigiti e gli occhi azzurri tristi! Ha giocato con mia figlia e poi è partito per non so dove, senza volare.
Ora spero che il giornale di Varese si sia sbagliato! spero che sia ancora sul traghetto addormentato su una panchina e che, pensando solo al peggio, si siano dimenticati di cercarlo nel posto più semplice.
Se davvero ha fatto quel gesto, che mai riuscirò a capire, allora spero che ovunque sia andato possa continuare a volare lassù con il suo deltaplano e che, almeno un po', continui a ricordarsi di quella bambina che sgambettava nel prato.
Ciao Angelo, Ti voglio bene
Germana
http://it.geocities.com/gex_univ/poesia.htm

Aquilone arò arò
Per la vela che ti do
Per le stecche che ti metto
Devi andare al campetto
Il campetto è molto duro
Batteremo contro il muro
Ora il muro non c’è più
L’aquilone vola suuuuuu!!



Angelo.....
Se riuscissi a comunicare la tristezza che ho addosso in questo momento.. Venerdì sono stato a parlare con Franco Laverdino per due ore, ed abbiamo parlato molto di Angelo, di questo lungo brutto momento che stava attraversando. Con Marco Borri eravamo preoccupati per lui, ma più le settimane passavano, più ci eravamo convinti che Angelo si sarebbe adattato anche a questo momento che stava vivendo.
Però che rabbia, che sconforto! Angelo al Cucco che con l'ala del delta raccattava un berrettino da baseball dal pendio.. Angelo che agli europei in Slovenia ho sfrattato dalla camera buttandolo a dormire sul materasso in garage, perchè russava come un treno merci... Angelo che dopo tre voli in para voleva la vela da gara, perchè tanto non volava nemmeno quella la metà di un delta, figuriamoci le altre.
Angelo, che voglia di tuffarmi e di tirarti su da quel lago...
Ciao, amico.
Filippo Lo Giudice

Nel lontano 96 (o forse 95) andai con tanti amici al meeting di Bassano quando ancora si teneva nell'aviosuperficie sotto la collinetta.
Mentre sul decollo di Rubbio aspettavamo che il cielo si liberasse un po' dalle numerosissime vele in volo, sentimmo come una fucilata provenire da dietro.
Ci voltammo di scatto e vedemmo "qualcosa" che precipitava e subito dopo si aprì il caratteristico fiore bianco e rosso dell'emergenza.
Tirammo tutti un grandissimo sospiro di sollievo vedendo che la "cosa" impattava in una zona con bassi alberi e soprattutto che l'emergenza aveva fatto perfettamente il suo dovere depositando il malcapitato a terra con una certa delicatezza. Istintivamente - avevo la macchina in mano - scattai alcune foto durante la discesa.
In serata apprendemmo che il pilota protagonista dell'evento era nientemeno che Guggenmoss il famoso costruttore di delta che nell'occasione provava un prototipo.
Il prototipo molto stabile non era, tanto che era andato in tumbling e la chiglia in fibra di carbonio si era violentemente spezzata producendo quel suono che tutti avevamo interpretato come un'esplosione.
Tornato a casa, dopo qualche giorno andai alla Metamorfosi a fare ripiegare e controllare l'emergenza (chissà perchè dopo avere visto brutte scene viene sempre in mente di controllare il paracadute...) e trovai Angelo che mi parlò dell'incidente che per fortuna non aveva avuto alcuna conseguenza per il pilota.
Era soddisfatto per il buon funzionamento del "suo" paracadute e con orgoglio mi diceva che in oltre 120 lanci di soccorso, fino a quel momento, TUTTI erano andati a buon fine salvando la vita del pilota. Quando seppe che avevo fatto delle foto volle a tutti i costi che gliele mandassi, cosa che feci con grande piacere.
Questo era Angelo, pieno di entusiasmo e di voglia di vivere e fare vivere gli altri, ogni volta che andavo a trovarlo per il ripiegamento mi tratteneva a lungo per insegnarmi delle cose, per mostrarmi filmati, grafici, formule e mi sottoponeva ogni volta a rudi simulazioni di lancio in condizioni di turbolenza dove la turbolenza era provocata da lui stesso con violenti scuotimenti della selletta appesa con me dentro! Erano lezioni indimenticabili, lui era così, doveva trasmettere la cultura della sicurezza come una missione.
Ogni volta che tornavo a casa tardi con l'emergenza ripiegata mi sentivo più ricco e consapevole.
Non riesco ancora a credere che sia finita così!
Tullio Guazzotti

Mille volte abbiamo avuto da dire, altrettante mille volte ci siamo confrontati, chiariti e capiti, magari con qualche eccesso, tipico di quel mondo un po' pazzerello di cui facciamo parte, ma sempre con profonda stima reciproca. Mi auguro di poter ancora incontrare Angelo nei cieli di Cuneo, oppure di "incazzarmi" con lui per telefono su qualche questione di politica del volo sulla quale inevitabilmente eravamo in disaccordo.
Spero per il mondo del volo e per noi tutti, di poter avere sue buone notizie al più presto, perchè ci mancano sia la sua estrema sensibilità di uomo "fuori dal comune", sia la sua eccezionale esperienza di grande campione.
Fabrizio Bruno

è con grandissima tristezza che ho appreso quest'incredibile notizia.
è una triste perdita Angelo, avrei voluto imparare ancora molto da lui. Simpatico, disponibile, bravissimo pilota, certamente persona difficile da gestire, ma un grande nel volo libero. Mi mancherà... sul decollo del Cucco a tener banco con le sue "cazzate" ... e mancherà a tutti, ne sono sicuro.
Aimaro Malingri


La prima volta che vidi Angelo era durante l'inverno/primavera del 1986. Ero in decollo a San Giacomo assieme al mio amico Pierangelo, entrambi eravamo pronti a "saltare fuori" (come diceva il valdostano Luigi Pascal un altro pilota illustre che mi manca molto).
Assieme a noi c'erano altri due piloti e cioé Angelo Crapanzano e Dada Rovera che si stavano bardando di tutto punto per un lungo e freddo volo. Infatti come avevano dichiarato, tentavano il volo fino a Paesana ai piedi "di quella montagna che vedete laggiu'" (il Monviso sic!).
Io che allora volavo da tre anni come un perfetto pollastro (ancora adesso sono un pollastro!!!), ricordo di essere caduto in un rovinoso rispetto reverenziale, mentre Pierangelo disse "ok vi seguiamo". Mezz'ora dopo eravamo tutti in atterraggio. Io mi sentii risollevato poiché potevo giustificare il mio ennesimo buco, Dada, mentre si toglieva lo sciarpone girato attorno alla folta capigliatura/barba era tutto sudato, Angelo come se niente fosse iniziò tranquillamente a smontare il deltaplano.
Questo che vi ho raccontato, vuole essere il mio personale aneddoto che riguarda Angelo Crapanzano. Ci tenevo a farlo perché il personaggio mi ha accompagnato, anche se non fisicamente, per molti anni come sicuramente è nel cuore di tantissimi altre persone nel mondo. Io, che caratterialmente sono un fatalista, voglio comunque pensare che Angelo sia da qualche parte, vivo, poiché egosisticamente, mi piace pensare che questa icona del volo libero sia in grado di stupirci p
er molti anni ancora.
Aggiungo la frase che disse Jack Kerouac a Patti Smith dopo la morte del marito: "Lascialo andare e cerca di continuare ad essere propositiva nella vita"

Vabbé le parole non sono le stesse ma il concetto è salvo.

Coraggio.
Alberto Gronda

Una tristezza profonda mi attanaglia, ho incontrato Angelo in poche occasioni, ma sono bastate per trasmettermi la sua semplicità ed il suo amore per il nostro sport. Vola sempre più in alto.
Crying or Very sad
Maurizio Ambrosini

Con molto ritardo ho letto l'editoriale di Aviazione Sportiva di dicembre. Sono rimasto sbigottito per la notizia della scomparsa di Crapanzano, se non ho inteso male si è trattato di un suicidio o, spero, di una "scomparsa volontaria". Io non lo conoscevo di persona, l'avevo solo intravisto in qualche meeting di Bassano, anni fa, quando ancora la parte del leone la facevano i delta da volo libero (i parapendio dovevano ancora essere inventati).
Leggendo le parole di Biancorosso su AS mi è sembrato di rivedermelo lì davanti, col suo maglione di lana spessa. Allora volavo in delta, sicuramente non ai suoi livelli, ero un "pollo", quando chiedevo di lui agli istruttori mi dicevano che era molto bravo ma matto come un cavallo, per me era diventato un personaggio mitico, quasi inavvicinabile. Anni dopo presi l'abilitazione per il parapendio ed acquistai un paracadute d'emergenza della Metamorfosi, la ditta di Crapanzano, col suo bravo manuale di manutenzione e ripiegatura. Ero orgoglioso di possedere un suo paracadute e mi dicevo sempre:"spero di non usarlo mai ma, se succederà, sono sicuro che funzionerà", avevo letto che aveva fatto un sacco di test per mettere a punto i suoi paracadute, li testava personalmente e, penso, che non avrebbe mai venduto qualcosa se non fosse stato assolutamente sicuro del buon funzionamento.
Basta, la mia misera testimonianza finisce qui, mi piacerebbe leggere qualcosa in più su di lui, in modo particolare da chi l'ha conosciuto personalmente.
Da domani mancherà un altro mito nel mio cielo.
Ciao Crapa
Cesare Borla

Non me la sento di scrivere nulla perché i ricordi sono intensi ma concentrati in realtà in appena sei mesi di tanti voli, discussioni e spostamenti.
A differenza di molti di voi, non ho avuto modo di vivere le sue vicissitudini precedenti e, anche se me ne aveva parlato, non capivo bene quanto tutto ciò potesse realizzarsi in maniera definitiva. Da allora, forse per tappare questo buco enorme, conservo gelosamente i ricordi personali che mi restano, con la paura di banalizzarli scrivendoli nero su bianco e, dall'altra, il timore di vederli affievolirsi col tempo che ci fa dimenticare, se non tutto, tanto. Probabilmente è un modo come un altro di tentare di reagire a quello che ci sorpassa.
Stefania

Angelo è stato un grande personaggio e parlare di lui non significa commemorarlo nel senso stretto del termine.
Parlare di lui, delle sue gesta, di ciò che è stato, significa contribuire a renderne la memoria imperitura.

Addio caro amico mio
Testo e ricordi di Franco Tedesco

 

 

 

 

Move
-

Micronews

Top Headline
Nuovi costi assicurazione

    Nell'augurarvi un felice Anno Nuovo, comunichiamo che il costo dell'assicurazione RCT che la nostra associazione ha stipulato con AXA è scesa ad €40,00 Rimangono invariati i massimali ed il premio dell'Assicurazione legale, quella infortuni e...

Read More...

Si è svolta il 3 settembre 2016 l'assemblea ordinaria dei soci: in allegato è reperibile il verbale

Read More...

Anche per il 2016 il costo dell'iscrizione è di  10 euro. Invariati anche i costi assicurativi AXA Vuoi assicurarti con AXA? iscriviti. con noi. Clicca qui

Read More...

Iscrizioni 2016

 ISCRIZIONI 2017

Anche per il 2017 il costo dell'iscrizione è di soli
          10 euro mentre la RCT Monoposto
scende a soli 40 Euro!! 

Calendario eventi

November 2017
S M T W T F S
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 1 2

Sezioni

Warning: Parameter 1 to modMainMenuHelper::buildXML() expected to be a reference, value given in /v1/libraries/joomla/cache/handler/callback.php on line 100
Click per aprire http://www.eumetsat.int
copyright 2017 EUMETSAT
 167 visitatori online